venerdì 27 luglio 2007

Libri

Spesso ordino dei libri su Bol o su Ibs, ma quando mi arrivano è sempre una sorpresa quello che mi arriva perchè con la mia proverbiale distrazione mi dimentico cosa ho ordinato. Così mi sembra di ricevere dei regali da qualcuno che conosce bene i miei gusti.
Stavolta però uno dei libro che ho ordinato mi ha sorpreso, proprio non capivo che ci facesse nella scatola che mi è arrivata. Non mi diceva nulla ne l'autore, ne il titolo. Così è stato il primo che ho cominciato a leggere e più lo leggevo più mi dicevo: bravo chi me l'ha consigliato!! certo dev'essere uno di cui mi fido.





L'ultimo amico , di Tahar Ben Jelloun. Un libro da leggere in poche ore, forse in certi punti un po' forte, troppo esplicito da risultare un po volgare, comunque bello.


E' la storia della bellissima amicizia di due uomini, Alì e Mamed; un'amicizia di cui forse le donne non sono capaci, lunga, profonda, incondizionata. Mi è piaciuto questo legame così sincero, sano, seppure tra due persone dal carattere diverso. Ma anche i sentimenti contrastanti di uno dei due protagonisti per la sua città, Tangeri, la citta in cui il libro è ambientato. Mamed si è trasferito in una bella, moderna e civile citta del nord Europa ma si accorge che della sua terra gli mancano quelle cose che fino ad allora aveva detestato, la polvere, il rumore, le voci dei venditori ambulanti, il fracasso dei vicini di casa, magari anche la loro invadenza. Cosi comincia l'ultimo capitolo
Ali, questa lettera, la porto in me da anni.
La leggo e la rileggo senza averla scritta...


Probabilmente ho letto di questo libro in qualche blog, e mi è venuta voglia di leggerlo, se c'è qualcuno che ne ha parlato mi piacerebbe sapere chi è .

8 commenti:

golosastro ha detto...

e quando finalmente troverai la persona che ti ispirò l'acquisto e la bella lettura...
potrai sempre intitolare il post... "l'amico ritrovato" (ma non sarà certo Fred!)

eheheh qui ultimo giorno e poi si torna il 3 settembreeeeee!!!!
;-)

Giovanna ha detto...

tutti in vacanza eh?... va bene ci ritroveremo tutti a settembre!! anch'io in agosto non avrò tantissimo tempo...

Acilia ha detto...

Conosco Tahar Ben Jelloun, ho letto "Creatura di sabbia": bellissimo. Ricordo che fu un regalo del professore di filosofia del liceo.

Lieta di aver saputo di quest'altro libro, grazie a te.

loste ha detto...

Mi accade la stessa cosa. Poi ho cominciato a sfruttarlo alla grande: Giro su Ibs e acquisto e poi lascio tutto lì nel carrello, dopo una settimana entro, non guardo nulla ed evado l'ordine :)))) E' sempre un regalo.
Loste

P.S. grazie per il consiglio letterario, dopo che giro per i blog la mia media di libri letti è raddoppiata. Però non dormo più:))

Giovanna ha detto...

Acilia, credo che leggerò anche "Creatura di sabbia", grazie a te della visita
Oste, anch'io da quando giro per blog leggo di più, e sempre con lo stesso metodo... grazie di essere passato

CoCo ha detto...

Giovanna quel libro è arrivato anche a me con lo scorso ordine di Bol era in regalo, forse non te lo ha consigliato nessuno, ma semplicemente lo hai scelto forse distrattamente, come ho fatto anch'io, tra le quattro alternative in regalo su Bol

Giovanna ha detto...

ecco svelato larcano, coco ; un vero regalo da bol!! grazie

Dolcetto ha detto...

Io mi sono imposta di non comprare più libri quando ho fatto un calcolo approssimativo di quanto ho speso negli ultimi anni, tenendo conto che, nei periodi in cui leggo poco, faccio fuori un libro alla settimana... così mi sono decisa a fare la tessera in biblioteca... Butterò un occhio se hanno anche questo tuo interessante libro...
Ciao, buon pomeriggio