martedì 5 giugno 2007

Gite al mare d'altri tempi

Vivendo in un isola ho avuto modo di apprezzare il pesce nella maniera più completa. Tutti i tipi di pesce e in tutti i modi. Mia madre ci deliziava con polpette di sgombro al sugo, cotolette di pesce, calamari ripieni e zuppe di pesce. Poi c'erano le giornate speciali; la domenica spesso era giornata di "cuscus" o di gite al mate. Le gite al mare non avevano niente a che fare con quelle di oggi, niente ombrelloni, sdraio e occhiali da sole chic. Si partiva la mattina presto per scegliere un posto che avesse un po d'ombra. Noi andavamo sempre in un posto che avevamo chiamato " a rutta nostra", (la grotta nostra) perchè ci andavamo spesso con tutti gli zii e i cuginetti. Mentre le donne organizzavano il pranzo (il posto per mangiare, il barbecue), noi bambini raccoglievamo le patelle o i ricci e gli uomini andavano a pesca. Quando tornavano si bollivano i polpi con l'acqua di mare e si faceva il pesce alla griglia. Dopo mangiato dovevamo aspettare le canoniche tre ore di digestione per poter fare ancora il bagno e mentre qualcuno si sdraiava a fare un pisolino qualcun'altro tirava fuori la chitarra. E tra un bicchiere di birra dei grandi e tante risate di noi bambini, facevamo a pezzi " il ragazzo della via Gluk" o ci lanciavamo negli interminabili tralalallero-llallero-lallero di "vitti na crozza" .
Il pesce crudo è uno di quei piatti che ho imparato ad apprezzare con il tempo. E questo è forse uno dei modi che preferisco


Tartare di tonno con salsina ai peperoni

Ingredienti
Tonno fresco
Peperoni arrostiti
Capperi
Aglio
Aceto
Olio evo

Tritate a coltello il tonno e invece nel mixer un peperone arrostito, spellato e privato dei semi insieme a 1 spicchio d'aglio un pugnetto di capperi , l'olio e l'aceto. Unite assieme tonno e salsina, ne serve un cucchiaio per ogni porzione, e aggiustate di sale se è necessario . Io ho guarnito con una rosa di pomodoro ma ci sono mille modi di usare le verdure per decorare i piatti!!!
Alcuni li potete trovare qui

19 commenti:

paola ha detto...

La tua ricetta mi piace moltissimo. Fresca e leggera. Il tonno crudo è buonissimo.
Ciao et bonne soirée.

mickymath ha detto...

c'est magnifique!! biiises micky

cuochetta ha detto...

Ehi mammina... io aspetto il tuo MEME sai???

ah un'altra cosa... questa estate 10 giorni in Sicilia nella terrà di mio papà... SONO FELICISSIMA!!!

^__^

Francesca ha detto...

dev'essere veramente buono questo tonno crduo, così rpofumato dal peperone e dai capperi. A Roma è molto difficile trovare un tonno freschissimo per potersi fidare a servirlo crudo in tavola, purtroppo. Mi mangio intanto il tuo con gli occhi.

Dolcetto ha detto...

Che bei ricordi! Che bei momenti che hai passato con la tua famiglia... Chissà perchè la mia famiglia ha sempre organizzato queste cose fino al momento in cui sono nata io. Con le mie sorelle si facevano delle maxi vacanze con nonni, zii e cugini, feste tutti insieme... poi sono arrivata io e mi sono dovuta accontentare di qualche pranzo sotto il portico... Gli stavo sulle balle dici? Il problema è che quando sono nata io non c'erano più bambini, erano tutti cresciuti...
Scusa mi sono dilungata, l'intento era solo di scrivertio: buonissima questa ricetta con il tonno! Non ho mai provato il pesce crudo e mi sa che è ora di iniziare! Bacioni

flat eric ha detto...

Non ti racconto le mie perchè finirei domani.
e questo e' il tuo blog!!!
spero di trovare presto il tonno per rifarla.
non mi vengono pesci adatti a sostituirlo.

Anonimo ha detto...

c'è la prima volta chi vengo cui. Mi piacce tu blog, et me piacerebbe andare in Sicilia. Anche io sono una lettrice de passionata degli avventure de Montalbano. Sono de Lisbona, Portogallo

Gourmet ha detto...

Mammina Giovanna!!! ;)
Che bello il raconto delle gite.. e mi sarebbe piaciuto vedere a rutta vostra!!
per intanto mi odo la tartare pensando al vostro sole!!
baci

Giovanna ha detto...

ciao paola, si è una bella ricetta estiva, Grazie
micki grazie e tanti bacini anche a te
ciao cuochetta che piacere averti nel mio blog! al meme ci sto pensando .... Se vieni fino a Lampe fatti sentire eh!!!
Francesca hai ragione il tonno se non è freschissimo meglio non mangiarlo crudo!
Dolcetto, non ti scusare, si sa che noi blogger (quanto mi piace!!) siamo anche dei grandi lettori no?
Eric, dilungati pure ... ;)
secondo me se riesci a trovarla ci sta bene anche la ricciola
Ciao Anonimo benvenuta, Camilleri e le sue storie fanno ormai parte di me e del mio blog Hai visto che ci sono delle ricette dedicate a lui? Grazie della tua visita
Cara la mia gourmet, oggi è proprio una giornata calda ma devo dire non proprio soleggiata... il sole va e viene, tanto io al mare non ci devo andare;)

marinella ha detto...

Che ricetta formidabile, mi piace il tonno crudo e con il peperone arrosto deve essere uno sballo. Io li ho solo accostati da cotti facendo lo spezzatino di tonno con peperonata di peperoni gialli. Lo proverò sicuramente crudo, ma senza l'aglio perchè come ho detto più volte purtroppo sono allergica.
Ma la provo sicuramente.

max - la piccola casa ha detto...

bella questa ricetta, la preparerò sicuramente magari usando la palamita al posto del tonno. te come ce la vedi la palamita?

adina ha detto...

la tartare di tonno mi piace proprio. devo provare anche io, e questa ricetta mi darà spunto. senti.. ma lo sai che qs estate passerò le vacanze in sicilia proprio? :-) non ci sono mai venuta e ho una curiosità dentro immensa. devo visitare ben bene il tuo blog, poi magari, se posso, ti chiedo info. ciao!!

afrodita ha detto...

Anch'io adoro il tonno... ed il tuo racconto... beh mi riporta un pò indietro alla mia infanzia!

Giovanna ha detto...

Ciao Marinella si anche senza l'aglio dev'essere buono ... a me piace e lo metto quasi dapertutto:)
Ciao Max , la palamita va benissimo , io la uso spesso per sostituire il tonno in molte ricette. Se la fai fammi sapere come ti è venuta
Carissima Adina!! e dove vai di bello in sicilia? non è che io la conosca tutta ma se posso aiutarti lo farò con piacere.. chiedimi pure tutto quello che vuoi... hai visto anche cuochetta scende in sicilia? questa estate sarà affollatissima di foodblogger :)
Ciao Afrodita, benvenuta
che belle che erano quelle giornate vero?

k ha detto...

Ieri ho fatto una tartare di palamita, perché c'ho questa conversione etica del "salviamo il povero tonno rosso". Ma, per quanto buona sia la palamita, il tonno è un'altra cosa!. La tua ricetta, intanto me la segno!
ciao :))

Valentina ha detto...

Che bel racconto Giovanna!!!Pieno di sole e serenità!!La tua tartare poi deve essere favolosa!!!Un bacio isolana!

venere ha detto...

Cara Giovanna, anch'io adoro il tonno, Crudo poi dà il meglio di sè... Ti scrivo qui anche x il post precedente (Ci metto troopo tempo x caricare i commenti-pensa che questa è la quarta volta che ci provo:-(((): ho letto il tuo racconto con commozione, ti immaginavo in cucina con il tuo tesoro in braccio a guardarla e cantarle albachiara... Le parole di Benigni poi sono magiche, è proprio vero che chi sa far ridere le persone è anche in grado di commuoverle nel più profondo... Ps: scusa le mie scarse visite, ma certe volte, con il mio collegamento analogico non riesco nemmeno ad aprire le pagine principali...

Giovanna ha detto...

Carissima K, se la fai con la palamita (e nessuno tocchi il tuo tonno rosso!!) la mia ricetta , sono sicura che verra buona lo stesso, non per presunzione ma perche il peperone aggiusta tanto;)
fammi sapere..

Ciao Valentina .. Quanto mi divertivo da bambina!!!

Carissiam venere, le tue parole mi fanno molto piacere, certe canzoni nascono come canzoni d'amore ma si trasformano bene in meravigliose ninnenanne....
Non preoccuparti se non riesci a commentare spesso... sei sempre la benvenuta Baci

Saffron ha detto...

solo a guardare gli ingredienti mi viene l'acquolina in bocca...sento il profumo dei capperi!!!