lunedì 10 settembre 2007

Ravioli di pesce

Io sono una di quelle persone, non so, in effetti, se ce ne siano tante, che ama fare quei lavori noiosi che gli altri pagherebbero per non fare. Ad esempio son capace di stare mezza giornata a pulire gamberetti, o moscardini. A fare minuscole sfogliatine, tutte uguali e in fila come soldatini. O a fare gnocchi per ore. O, come in questo caso, ravioli. Insomma mi piace fare quei lavori che dopo un po che hai cominciato, ti sembra di ripetere lo stesso sogno. Molti, i più , si annoiano. Io mi rilasso. E' un po come mettere il pilota automatico, le mani vanno da sole e io posso pensare in santa pace. Penso. Mi organizzo le giornate a venire. Penso al blog. Penso ai post che devo fare. E a quelli che ho letto. E magari scoppio a ridere improvvisamente pensando a qualche cosa che mi è successa. Penso che ci sarei voluta essere a questo barcamp qua, che da quanto ho capito si sono divertiti molto. Magari ne organizziamo uno tutto di foodblogger, che ne dite?


Questi li ho fatti con l'apposito utensile per fare i ravioli e li ho poi ritagliati con la rotellina, ma si possono fare anche a mezza luna o, se lo avete, con qualche altro strumento per fare la pasta ripiena.


Per la pasta:
  • 1 kg di farina
  • 8 uova

Per il ripieno:
  • 500g ricotta
  • 500g pesce sfilettato e spinato
  • parmigiano
  • prezzemolo tritato
  • noce moscata
  • pepe
  • sale
Preparate il ripieno:

Cuocete il pesce in acqua salata bollente. Frullatelo nel mixer e aggiungete poi la ricotta e gli altri ingredienti, mescolate ancora nel mixer facendo attenzione a non frullare troppo altrimenti la ricotta si scioglie.


Impastate la farina con le uova; tirate la sfoglia molto sottile, ponetela sullo stampo, riempite i buchetti di ripieno e coprite con un altro rettangolo di sfoglia, passateci sopra il mattarello e dopo aver spostato i ravioli su un ripiano ritagliateli con la rotellina.

Questi ravioli si possono condire con un buon ragù di cernia del quale vi darò la ricetta prossimamente. Ma si possono mangiare anche semplicemente conditi con burro e parmigiano.


31 commenti:

marinella ha detto...

Devono essere deliziosi! Io l'attrezzo per fare la pasta ripiena l'ho comprato, si tratta di un aggeggio che si monta sulla macchina per tirare la pasta, ma l'ho provato solo una volta ed è stato un disastro.
Mi limito a fare i ravioli col raviolatore e poi li taglio con la rotella. Comunque io sono una di quelle che si annoia con la routinne. Baci

Sandra ha detto...

ma che belli giovannaaaaaaaaaa!!!! :)
Adoro i raviolini, e questi devono essere buonissimi!!
Quanto mi piacerebbe fare un camp da te, cara amica!
un bacione grandissimo!
:-)))
Sandra/Gourmet
www.untoccodizenzero.it

Elena ha detto...

Io ho vorrei fare molte cose in serie tutte uguali, ma devo impegnarmi moltissimo. Anche nello scrivere, non faccio una lettera uguale all'altra.

Un blogger fotografo mi aveva chiesto di organizzare con lui un barcamp fotografia e cibo,a nche perchè un foodblog senza fotografie non ha senso. la nostra idea era di trovare una cucina e sala attigua in cui avere sessioni di cibo, foto, ciboEfoto con degustazione finale di un menu scelto.
Ma ero nell'occhio del ciclone con i tre eventi che ho organizzato quest'anno e lui non ha trovato il luogo adatto e abbiamo deciso di rimandare, se ti piace l'idea lo mettiamo su, il problema è che sono a Boston fino al prossimo agosto, ma il supporto via rete lo posso dare

abbracci
comidademama

Alex e Mari ha detto...

Giovanna, come ti capisco. Anch'io mi rilasso tantissimo facendo queste cose. Infatti da piccola ero sempre io a pulire i fagioli, i piselli, a fare le farfalle, ecc. Questi raviolini sono così belli.
L'idea di Elena del camp cibo e fotografia è fantastica :-)
Un abbraccio, Alex

Aiuolik ha detto...

Che belli! Io i lavori ripetitivi li devo fare in compagnia o con un po' di musica in sottofondo (in realtà questa non manca mai!). Non mi piacciono molto, ma in realtà spesso finisco per farli io :-)
Ciao,
Aiuolik

Dolceviola ha detto...

Che belli!!!
Non li ho mai mangiati con un ripieno di pesce!!!
Ciao

Dolcetto ha detto...

Giò qualcun'altra come te c'è: io! Anche a me piace fare i lavori ripetitivi... magari non sempre, però ogni tanto ti permettono di non pensare a ciò che stai facendo e a lasciar volare la mente dove vuole andare...
E' un bel po' che, per questioni di tempo, non faccio più alcuni dolci che, prima di avere il blog, mi divertivo a fare proprio per questo motivo... come quintalate di biscotti ultradecorati...
L'unico problema è che, quando fai questo tipo di lavori, mi dà ai nervi pensare che, con tutta la fatica fatta, in un attimo vengono pappati!
Che dire della millegoglie qua sotto?? Spettacolo!
Un bacione

adina ha detto...

bellissimiii! a me non riescono mai così tutti uguali uguali.... s'ha da ritentare! che pesce hai usato per il ripieno?

ReaLupin ha detto...

Fantastici, li ho inseriti subito nell'elenco delle ricette da provare... e non vedo l'ora di provarli
Grazie e complementi ancora...

elisa ha detto...

Giovanna cara..lo sai che mi rivedo proprio nelle tue parole? Anch'io amo i lavori certosini come quando preparo i pesci di pasta di mandorla a Natale o gli agnellini a Pasqua..Biscotti e decorazioni mignon..o ricamini a punto croce..purtroppo il lavoro mi ha portato via un bel po del tempo che dedicavo a queste cose quando studiavo, ma l'intenzione e la voglia ci sono sempre..e appena ho un momento libero eccomi all'opera..bellissimi i tuoi ravioli di pesce!
Un bacio!

Francesca ha detto...

l'ultima foto è bellissima, tutta candida che sembra una nuvola. Io le cose ripetitive non le amo in genere, quindi nemmeno in cucina. NOn riesco nemmeno a fare 2 volte di seguito una stessa ricetta ;-)

Lory ha detto...

Che meraviglia Giò,anche l'idea del blogger raduno ;-)))
Io ne ho fatto uno mini ;-)) ma ci sono anche per uno maxi ...:-)))
Bravissima,un bacio!

CoCo ha detto...

Sono un'altra persona che ama fare questi lavori "noiosi", a volte d'inverno il sabato pomeriggio mi metto li per ore a fare ravioli inventando nuovi ripieni e nuove forme. Aspetto la ricetta dei tuoi ravioli conditi Ciao

Giovanna ha detto...

eccomi... sembra che l'idea di un bar camp di foodbloggere non dispiaccia!!! mi piacerebbe moltissimo davvero!

Marinella i metodi semplici sono i migliori ;)

Sandra, vediamo che si può fare, è un idea, ma chissa!!

Elena, prima di tutto benvenuta, mi fa davvero molto piacere averti nel mio blog, leggo il tuo da un po, ed è una lettura sempre piacevole. Se il tuo amico ne ha ancora voglia si potrebbe parlarne... Io mi metto a disposizione per tutto. Foto e cibo sarebbe davvero fantastico!!

Alex, a me quei lavori lì continuano a farli fare ancora adesso.... con mia grande gioia;)

Aiuolik , se hai gamberetti da sgusciare mandameli pure qui! :))

Dolceviola, provare per credere :)

Dolcetto, ecco fare le decorazioni di biscottini e dolci vari mi mette proprio di buonumore, credo che più che un ristorante io dovrei aprirmi una pasticceria :)

Adina , con l'utensile che ho indicato è facile che riescano tutti uguali, anche se poi si devono ritagliare a mano... Io ho usato filetti di dentice, ma uso spesso anche il sarago, il pagello o il merluzzo.

Real lupin, grazie,spero che tu abbia lo stesso risultato della tartare di tonno :)

Ciao Elisa, vedo che allora sono in buona compagnia!! a pasqua ci proporrai i tuoi agnellini?? e cosa sono i pesci di pasta di mandorla?

Francesca, garzie per i complimenti alla foto:) anche se riesco a fare tutti quei ravioli bellini e ordinati... non mi è mai successo che una ricetta fatta due volte risultasse uguale alla prima volta ;)

Lory anche se non si fa questa cosa del barcamp, spero di si, sono sicura che un piccolo raduno di foodblogger lo possiamo fare lo stesso.... :***

Giovanna ha detto...

ciao coco, anche tu nel club? la ricetta del ragù di cernia la posto al più presto.

elisa ha detto...

I pesci e gli agnellini sono dolci di pasta di mandorla ripieni di pan di spagna, cioccolato, canditi,pinoli, oppure di perata e faldacchiera, che messi negli stampi di gesso prendono la dovuta forma..di pazienza e ripetitività ce ne vuole..li vedrai a Natale e a Pasqua!!

Excalibur ha detto...

Yuppie si ci sono anche io per l'idea del Fodblogger camp!:)

Elena ha detto...

Grazie per il benvenuto! Il tuo blog mi piace molto e continuerò a leggerlo con molto piacere.
E' stato un anno complicato e pieno di lavoro, ho letto molto poco i blog e fatto fatica a mantenere vivo il mio. Non parliamo del periodo estivo, peggio che mai, sono rimasta senza connessione per mesi a parte qualche saltuario spot.
Ma ora riesco! Cerco di contattare il blogger in questione.
Quindi a presto!
Comidademama

Elena ha detto...

Noi i ravioli li facciamo in famiglia a Natale. Mia zia era ancora a supervisionare lo scorso 23 di dicembre, è mancata a metà a luglio, non sarà più lo stesso senza di lei anche se ormai il lavoro lo facevano mio zio e mia mamma. Io sempre a girare la manovella, in famiglia rimango sempre la matricola, come mia mamma che mi dice "Lo so che cucini per 200 persone a volta ma..."

^_^

k ha detto...

Che brava!! Li vogli provare anch'io, ma voglio lo stampo a mezzaluna (chissà se lo trovo oggi ala metro)...
E anche il camp mi sembra un grande idea!
baci

anna ha detto...

Anche io partecipo volentieri al bloggercamp, mal volentieri faccio i lavori ripetitivi,se posso li evito o li lascio fare ad altri.I raviolini sono fantastici ma quello che mi incuriosisce di più è il ragu di cernia. Io adoro la cernia, molti anni fa in grecia ne ho mangiate una marea sia pescati da noi che comprate però le ho mangiate solo grigliate,attendo con ansia ricettina...baci

cuochetta ha detto...

A me ora che ho Chiara mi manca il tempo per dilettarmi in tutte le cose che dici tu... anche a me rillassano molto... è un modo come un altro per avere il tempo per pensare e di questi tempi mi manca così tanto PENSARE! Che è rimasto un raviolino per questa mamma ritardataria?

BACIOTTI

CoCo ha detto...

e perchè no che sia club

Giovanna ha detto...

elisa, gli agnellini li facciamo anche noi per pasqua solo di pasta di mandorla, aspetto i tuoi pesciolini e li tuoi agnellini

Excalibur , per il camp, vi daemo notizie

Elena mi è capitato qualche capodanno di dover fare tortellini in brodo di pesce per un centinaio di persone :|
Quando è troppo è troppo:) Aspetto tue notizie!

k per i ravioli a mezza luna non so se ci sia un raviolatore a mezza luna ma si possono fare con un tagliapasta rotondo. Intanto ho trovato questi
http://www.calder.it/it/alluminio/stampi_ravioli_alluminio.html


anna la cernia è un pesce buonissimo e dalle molteplici applicazioni... arriva presto la ricetta

cuochetta
è proprio il mio scopo: pensare. Te ne darei volentieri un piattone... Un bacione a Chiara

CoCo , potremmo chiamarlo il club dei pensatori con le mani in pasta!!! :))

Tulip ha detto...

Mi piacciono davvero molto i ravioli ripieni di pesce!
Io in genere li faccio a mano.. perchè non ho quel bell'utensile... chissàmagari ci penso a farmelo!

Giovanna ha detto...

tulip è molto utile, e poi ce ne sono di forma diversa. Ciao

apprendistacuoca ha detto...

la pazienza è la virtù dei forti.
mica dice così il proverbio?

comunque devono essere buonissimi. bellissimi lo sono indiscutibilmente!

Cuocapercaso ha detto...

Bellissimi, complimenti per la precisione!!!

Grazia

CoCo ha detto...

ciao vengo da un pomeriggio da 120 ravioli tondi, avevo proprio voglia di rilassarmi dopo una settimana fortemente stressata al lavoro. Li ho fatti con patate e tonno, pensavo ad un condimento in bianco a base di acciughe magari con pinoli e uvetta vediamo un pò cosa ne dicono gli altri a casa

gipipaco ha detto...

ho fatto dei lavori ripetitivi in fabbrica e ho sempre corso il rischio di farmi male.
quando cucino cerco di non fare cose che possano sembrare industriali, è più sfizioso...certo è meno pratico, ma più sfizioso e la tua ricetta è buonissima.
come faccio ad iscrivermi al tuo blog?

Fabiola ha detto...

Ciao, volevo provare a fare questi bei ravioli..ma non sono riuscita a trovare nel blog la ricetta del sugo di cernia..come posso fare?
grazie e speriamo vengano belli e buoni almeno quanto le tue bellissime ricette.
Grazie
Fabiola